Cocktail, la ricetta per l'Angelo Azzurro

Il nome si ispira a Marlene Dietrich, l'Angelo Azzurro del cinema, ma in realtà questo cocktail è italianissimo. Nato agli inizi del Duemila, è divenuto uno dei cocktail più famosi, per l'elevato grado alcolico, per il suo sapore e per il colore altamente scenografico, da cui ha preso il nome.

Probabilmente è nato come una variante del Blue Lagoon, un cocktail italiano molto celebre negli anni Cinquanta e Sessanta. Ne esistono diverse versioni, a seconda degli ingredienti aggiunti presenti, come il "Bomba blu", nel quale si aggiunge della lemon soda. Ma la variante più celebrariante, anche per il nome in contrapposizione, è il "Diavolo Rosso", ottenuto sostituendo al blue curacao il bitter o il Campari.

In questo video ecco la ricetta tradizionale dell' "Angelo Azzurro".

Gli ingredienti: ghiaccio e, in parti uguali sempre da 2 centilitri, vodka liscia, gin chiaro, blue curacao. Un top di sweet & sour. Il tutto nel bicchiere highball. Scecherare e servire. Semplice!

Ne esistono altre due varianti, che ne mantengono il colore azzurrognolo. Nell'Orishas Azzurro si sostituisce al gin il rum bianco; nella Valchiria Azzurra si aggiunge più gin al posto della vodka. Ma nel cocktail originale, come si mostra in questo video, tutti e tre i prodotti vanno inseriti: vodka, gin e rum bianco.

Autore maxsbard
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Il Mondo dei Cocktail. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!