Cucina con Ale: La Ribollita fa bene alla vita

Uno chef molto apprezzato, Alessandro Borghese, ci insegna passo passo il procedimento per una perfetta ribollita toscana. Ma prima di descrivere la ricetta, è d'obbligo spiegare il perché del nome di questo piatto. Un tempo in campagna si cucinava una gran quantità di zuppa con pane raffermo e nei giorni successivi la si ribolliva e la si rimetteva in tavola.

Ingredienti: verza, cavolo nero, 1 cipolla, 400 gr di patate , sedano, 2 carote , 500 gr di bietola, 300 gr di fagioli cannellini, pomodoro, pane .

Dopo aver fatto rosolare in padella la cipolla, si sminuzzano tutte le altre verdure e si uniscono nella pentola aggiungendo  acqua. Si mettono il sale e il pepe. Intanto si prendono i fagioli già cotti precedentemente e se ne frulla una metà, che va aggiunta a tutto il resto. Stessa cosa con cavolo e bietola, l'altra metà dei fagioli, questa volta interi e i pomodori. Come tutte le zuppe deve bollire a lungo, a fuoco moderato, finché gli ingredienti si sono disfati.

Lo chef decide di presentare in tavola questo piatto povero in una ciotola di vetro, dando una nota di raffinatezza. Sul fondo della ciotola va messa una fetta di pane toscano sciocco, cioè senza sale, meglio se raffermo. Lo si ricopre con la zuppa e olio extravergine d'oliva. Già il profumo risulta invitante e se si mangia con l'accompagnamento di un buon bicchiere di vino rosso, il risultato è speciale.

Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Stefano Mortini. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!