Sarde a beccafico alla palermitana - Ricetta

Le sarde a beccafico sono uno dei piatti che meglio identificano la Sicilia a tavola. Esistono versioni per quasi ogni provincia siciliana, ma quelle più rappresentative sono sicuramente la versione catanese ma soprattutto quella palermitana. Che sarà la versione che lo chef stellato Ciccio Sultano ci presenta in questo video.

L'origine di questo piatto pare risalga alle cucine baronali dell'ottocento, ed era fatto con gli uccelletti frutto della caccia dei signori di casa. Poi, con il ripieno avanzato, la servitù riempiva le sarde, pesce di scarso valore commerciale e sicuramente abbondantemente offerto dai pescatori del tempo.

Occorrono le sarde freschissime, circa un chilo (ancora oggi pesce a buon mercato ma ricco di omega tre, che fanno bene all'organismo perchè contrastano il colesterolo). Poi procuratevi anche: Olio extravergine d’oliva, circa 10 cucchiai di pangrattato, 100 grammi di passoline (un tipo di uvetta essiccata - in mancanza si può usare l’uva sultanina), 100 grammi di pinoli, 1 cucchiaio di zucchero, Sale e pepe quanto basta, Foglie di alloro.

La pulizia del pesce prevede la diliscatura: se non l'avete mai fatta potete chiedere al pescivendolo oppure guardare e riguardare un qualunque video tutorial: magari la prima andrà male, ma poi capirete che è semplice.
In questo video si presenta il piatto in versione gourmet: molto arricchito da particolari e raffinato alla presentazione. Inoltre viene spiegato come fare il pane nero di Castelvetrano, un'altra chicca gastronomica della Sicilia occidentale!
Autore tababonf
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!