Si possono mangiare i fiori?

Si possono mangiare i fiori? Certo che sì, purchè non appartengano a piante velenose, quindi è bene conoscerli e deliziarci con i loro colori. Se ci pensiamo  bene alcuno fiori li mangiamo già, per esepmio i famosi fiori di zucca, che si cucinano con la pastella o addirittura ripieni, i carciofi sono dei fiori, i fichi sono delle infiorescenze, il cavolfiore.

Detto questo è bello avvicinarsi a questo mondo di colori col quale possiamo abbellire le nostra insalate, in genere un po' tristi. Ovviamente non mangeremo quelli dei fiorai perchè abbondantemente irrorati di sostanze chimiche, ma i fiori raccolti nelle campagne.

Quindi vediamo quali sono questi fiori:

  • petali di rose, con i quali si possono fare anche gelatine,
  • violette, si mangiano anche zuccherate,
  • bocca di leone,
  • garofano,
  • robinia pseudacacia, albero che produce grappoli di fiori bianchi, buoni anche cotti nella pastella,
  • ipomea,
  • calendula selvatica,
  • fiori di rosmarino, se avete la pazienza di raccoglierli
  • pratoline,
  • nasturzi,
  • fiori di cappero,
  • sambuco,
  • petali di rosa canina,
  • petali di ficodindia,
  • fiori di rucola,
  • petali di papavero selvatico,
  • passiflora.

Penso che siano più che suffcienti, ma vediamo anche quelli da evitare assolutamente.

  • Fiori di oleandro
  • crochi
  • stramonio
  • begonia,
  • calla,
  • caprifoglio, 
  • cristantemo,
  • clematide,
  • giacinto.

Questi sono i più comuni, ma sarebbe bene conoscerli tutti per evitare che i bambini li mettano in bocca. Però queso non deve impedirci di godere di quelli buoni, che apportano ulteriori sostanze benefiche al nostro organismo.

Autore gerrycaputo
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!